26 C
Roma

Putin non è Hitler, Ucraina rinunci alla NATO (Con Franco Battaglia)

Putin non è Hitler ucraina rinunci alla NATO, “A Viso Scoperto” puntata del 25/06/2024.

il 27 febbraio 2022, Franco Battaglia, professore di chimica e fisica all’università di Modena e membro di Clintel Italia, scriveva su “La Verità”: «Forse si potrebbe auspicare che, innanzitutto, l’Ucraina stia fuori dalla Nato; e poi che Crimea, Lugansk e Donetsk siano sottoposte a nuovo referendum, con l’impegno che tutti i Paesi ne riconoscano l’esito».

Se avessimo trattato con Putin ora avremo la pace

Passano due mesi e dopo i progressi sul campo Putin chiede altre 2 province. L’unica strada per la pace è trattare sulle proposte di Putin: le aree russofone devono restare sotto il controllo di Mosca. Parole equilibrate e lungimiranti, ma sappiamo che la UE ha deciso di sacrificarsi per salvare gli USA.

Non a caso il 10 marzo, osservavamo: «Prima che la partita iniziasse, il prezzo era la Nato, Crimea, Donetsk e Lugansk; ma ora Putin potrebbe volerci mettere anche qualcos’altro sul piatto».

Due settimane dopo ci rivolgevamo direttamente a Volodymyr Zelensky: «Allora, Zelensky, arrenditi, magari chiedendo che ti si garantisca salva la pellaccia. Cosi facendo, oltre la tua, salverai molte vite. La vera tragedia, il vero grottesco della tragedia, sarà quando ci si renderà conto che tutte quelle finora spezzate, lo saranno state invano».

Abbiamo sbagliato per 2 anni. Ma meglio ammettere l’errore anziché perseverare in esso.

L’8 marzo 2024: «L’Ucraina ha una legislazione discriminatoria nei confronti di una larga porzione di popolazione e una possibile pace potrebbe essere quella che divida il territorio in due parti proporzionali alle due principali etnie. Il fiume Dnipro taglia il Paese in due, e la parte di esso dall’omonima città alla foce fungerebbe da comodo confine naturale. Da una parte, il Donbass che, aumentato di congrui territori secondo la proporzione detta, faccia Stato a sé, indipendente o, se crede, confederato con la Russia»; il resto sia una ridimensionata Ucraina. Diversamente, resta elevato il rischio di replicare lì una situazione simile a quella tra Israele e Palestina.

La puntata è ricchissima e ripercorre le tappe della guerra a partire dal pregresso ovvero dal 2004.

Putin e Bush si stringono la mano al G8
Putin e Bush si stringono la mano al G8 (White House photo by Eric Draper, Public domain, via Wikimedia Commons)

“A Viso scoperto” va in onda tutte le sere, dal lunedì al venerdì, alle 23.00, in replica il giorno successivo alle ore 11.00 escluso il sabato mattina. Contatti: avisoscoperto@radioroma.it

Continua a leggere su radioroma.tv

Leggi Anche

Cattivissimo – Puntata di Mercoledì 17 Luglio 2024

A Cattivissimo oggi diamo dei consigli per i primi appuntamenti amorosi. Ad istruirci è...

Sotto Le Stelle del Cinema Romeno, il festival a Roma

Il cinema romeno è passato da Roma. Tra il 5 e il 7 Luglio...

The Passenger – Puntata di Martedì 16 Luglio 2024

A The Passenger non perdiamo di vista l'attualità internazionale commentando insieme ad Alessandro Fornaciari...

Troppe morti in strada, il presidio dei cittadini: “Serve più sicurezza”

Troppe morti in strada, il presidio dei cittadini per "una città più sicura" Ospite in...

ARTICOLI CORRELATI

Cattivissimo – Puntata di Mercoledì 17 Luglio 2024

A Cattivissimo oggi diamo dei consigli per i primi appuntamenti amorosi. Ad istruirci è...
00:12:20

Sotto Le Stelle del Cinema Romeno, il festival a Roma

Il cinema romeno è passato da Roma. Tra il 5 e il 7 Luglio...

The Passenger – Puntata di Martedì 16 Luglio 2024

A The Passenger non perdiamo di vista l'attualità internazionale commentando insieme ad Alessandro Fornaciari...