26 C
Roma

Uranio impoverito lo stato sapeva? (Con Carlo Calcagni)

Uranio impoverito lo stato sapeva? “A Viso Scoperto” puntata del 19/06/2024.

Il Colonello Carlo Calcagni racconta che la NATO avvisò gli stati membri già nel 1995 dei bombardamenti con proiettili all’uranio impoverito in Bosnia, mettendo in guardia dei pericoli per i soldati e dando istruzioni su come agire e quali protezioni utilizzare, ma nessuno informò i nostri soldati.

Mattarella nel 2.000 negò l’utilizzo di proiettili all’uranio impoverito a Sarajevo

Il 27 settembre 2.000 l’allora ministro della difesa Mattarella, rispondendo ad un’interrogazione parlamentare negava la correlazione tra l’utilizzo di questi e le patologie dei militari e affermava cha a Sarajevo non erano mai stai utilizzati questi proiettili.

Peccato che in tutto il territorio intorno Sarajevo si stima l’utilizzo di più di 10.800 proiettili all’uranio impoverito.

Insomma quanto dichiarato da Mattarella non era vero, ma forse lui non lo sapeva, questo però non cancella la responsabilità delle sue dichiarazioni in parlamento. In ogni caso tre mesi dopo scrive alla NATO, che risponde fornendo la mappa dei siti bombardati con proiettili ad uranio impoverito.

D’altronde l’utilizzo di questi proiettili era prevedibile dal momento che vennero utilizzati dagli USAQ nella guerra del golfo quattro anni prima.

Il colonnello Calcagni conferma che la NATO aveva informato tutti gli stati membri subito dopo i bombardamenti del 1995, prima dell’ingresso delle truppe NATO sotto l’egida dell’ONU, ma nessuno informò i nostri soldati.

La mappa dettagliata dei bombardamenti della Nato con uranio impoverito durante la guerra del Kosovo (Fonte-PeaceLink)
La mappa dettagliata dei bombardamenti della Nato con uranio impoverito durante la guerra del Kosovo (Fonte-PeaceLink)

Il Colonnello Calcagni racconta la sua odissea, le malattie, le operazioni, i metalli pesanti presenti nel suo corpo di cui tre radioattivi: torio, cesio e uranio. Le commissioni militari hanno accertato la correlazione, ma molti militari sono morti prima.

L’ex ministro fece un tavolo tecnico a cui partecipò anche Calcagni, nella relazione finale venne invertito l’onere della prova, ovvero è lo stato che deve dimostrare che l’uranio impoverito non c’entra con le malattie e non viceversa, la Trenta venne però sostituita e di quella relazione non si fece più nulla anche se il colonello Calcagni ne conserva ancora una copia firmata da tutti i membri del tavolo tecnico.

 “A Viso scoperto” va in onda tutte le sere, dal lunedì al venerdì, alle 23.00, in replica il giorno successivo alle ore 11.00 escluso il sabato mattina. Contatti: avisoscoperto@radioroma.it

Continua a leggere su radioroma.tv

Leggi Anche

Cattivissimo – Puntata di Mercoledì 17 Luglio 2024

A Cattivissimo oggi diamo dei consigli per i primi appuntamenti amorosi. Ad istruirci è...

Sotto Le Stelle del Cinema Romeno, il festival a Roma

Il cinema romeno è passato da Roma. Tra il 5 e il 7 Luglio...

The Passenger – Puntata di Martedì 16 Luglio 2024

A The Passenger non perdiamo di vista l'attualità internazionale commentando insieme ad Alessandro Fornaciari...

Troppe morti in strada, il presidio dei cittadini: “Serve più sicurezza”

Troppe morti in strada, il presidio dei cittadini per "una città più sicura" Ospite in...

ARTICOLI CORRELATI

Cattivissimo – Puntata di Mercoledì 17 Luglio 2024

A Cattivissimo oggi diamo dei consigli per i primi appuntamenti amorosi. Ad istruirci è...
00:12:20

Sotto Le Stelle del Cinema Romeno, il festival a Roma

Il cinema romeno è passato da Roma. Tra il 5 e il 7 Luglio...

The Passenger – Puntata di Martedì 16 Luglio 2024

A The Passenger non perdiamo di vista l'attualità internazionale commentando insieme ad Alessandro Fornaciari...