27.7 C
Roma

“Il Faro Online” nell’approfondimento settimanale a Non solo Roma

Orrore nelle campagne di Latina, lavoratore perde un braccio e viene “scaricato” davanti casa

Ospite in collegamento: Clarissa Montagna, redazione “Il Faro Online

Perde un braccio mentre lavora e viene abbandonato davanti casa: è l’orribile episodio avvenuto a Borgo Santa Maria, in provincia di Latina. Vittima del grave incidente è stato un 30enne che lavorava in un’azienda agricola, impegnato nella lavorazione del fieno. L’uomo è poi deceduto il giorno dopo per il troppo sangue perso. Sulla vicenda indaga ora la Procura di Latina.

La denuncia e la notizia del grave episodio è della Flai Cgil che con la Segretaria Generale di Frosinone Latina è accorsa subito sul posto per vedere cosa fosse successo e come aiutare le persone coinvolte; il lavoratore è stato trasportato in eliambulanza a Roma: “Gravissimo incidente sul lavoro ieri pomeriggio in una azienda agricola dove un lavoratore di nazionalità indiana addetto al taglio del fieno ha avuto un braccio staccato da un macchinario e altre gravi fratture; all’orrore dell’incidente si aggiunge il fatto che invece di essere soccorso dai datori di lavoro è stato scaricato come un sacco di rifiuti in prossimità della sua abitazione”.

“Sono stata contattata da un lavoratore che mi ha inviato la foto di un arto staccato – racconta Hardeep Kaur, Segretaria Generale Flai Cgil Frosinone Latina – spiegandomi che si trattava di un incidente avvenuto a un compagno di lavoro, che in condizioni disperate è stato scaricato in strada da un pulmino 9 posti. Non è un film dell’orrore, purtroppo è tutto vero. Qui non siamo solo di fronte a un grave incidente sul lavoro, cosa già di per sé allarmante e evitabile, qui siamo davanti alla barbarie dello sfruttamento, che calpesta le vite delle persone, la dignità, la salute e ogni regola di civiltà”.

Leggi qui le dichiarazioni delle istituzioni e delle sigle sindacali.

Maxi incendio ad Ardea, le fiamme avvolgono la discarica abusiva alle Salzare

Ancora fiamme alle Salzare, dove è divampato, alle 14 circa, un maxi incendio nei 706 ettaro di terreno dove, da tempo, incombe una discarica abusiva: a bruciare, infatti, non sono solo sterpaglie ma anche carcasse di auto abbandonate e di furgoni, e rifiuti di ogni genere. Il rogo è divampato in particolare nei pressi di via dei Monti Santa Lucia, traversa di via Miramare. Sono ancora in corso le operazioni di spegnimento dei Vigili del fuoco. Sul posto presente il nucleo operativo Airone, la Polizia locale e il 118. Un’alta colonna di fumo nero ha invaso la zona.

Non è la prima volta che quei 706 ettari di terreno vengono avvolti dalle fiamme: l’ultimo maxi-incendio è quello di novembre scorso, che ha provocato non pochi danni, le cui operazioni di spegnimento sono state molto difficoltose proprio a causa delle numerosi rifiuti, anche pericolosi. Eppure, la discarica abusiva e ancora lì e torna (di nuovo) a bruciare.

Un problema che va avanti da tempo, nonostante le ultime operazioni che hanno interessato l’area, le carcasse abbandonate di auto e furgoni sono ancora lì e l’incendio e divampato ancora una volta. Tante le segnalazioni della critica situazione, non solo della presenza discarica, ma anche di accampamenti abusivi, ma nessuno fa nulla. Una situazione che rende Le Salzare una zona sempre più abbandonata a se stessa. Pericolosi episodi come questo sono quasi all’ordine del giorno, in una città che dovrebbe vedere garantiti il decoro e la sicurezza che merita.

Cento anni di “Metromare”: una mostra per festeggiare un secolo di innovazioni

Cento anni di Roma-Lido, o di Metro-Mare che dir si voglia. Quel che è certo che già da un secolo le rotaie corrono tra Ostia e Roma, tanto da far guadagnare al X Municipio l’appellativo di Mare di Roma, soprannome non privo di scontri e polemiche. Cento anni pieni di storia e innovazioni ma anche di dissensi: ed ora, al polo di Roma 3 sul lungomare di Ostia, è possibile vedere questa lunga storia raccontata attraverso le immagini e le foto di alcuni repertori storici.

A presentare la mostra è una conferenza stampa in cui emergono punti importanti. Dall’impegno profuso in passato, agli anni difficili di passaggio, alle promesse future: più treni revisionati, nuove stazioni e nuove assunzioni.

“E’ stata una sfida abbastanza difficile, con un’ organizzazione molto complessa: i rapporti col comitato pendolari non sono sempre stati facili, ma è giusto che pretendano un servizio di un certo tipo- ha detto Amalia Colaceci, presidente di Cotral- e sono le tante cose che fanno il successo di un servizio. In questo centenario noi come azienda alziamo la testa: abbiamo preso l’incarico due anni fa e sono stati anni difficili, in cui siamo stati a testa bassa. Ora è il momento: siamo arrivati ad avere treni decorosi. Ne abbiamo 5 revisionati, nel 2025 saranno tutti e 8”

“Cotral aveva tutto da perdere- dice l’amministratore unico di Astral, Antonio Mallamo a proposito della fusione delle due aziende- Quel che abbiamo ottenuto è un grosso risultato, ma non banale. Gli investimenti li stiamo facendo ma oggi è la giornata dei ringraziamento e dei meriti- e annuncia- presto saranno assunte altre 67 risorse sulla linea. Il nostro impegno continua in piena armonia con Cotral, la nostra gemella”

“Abbiamo scelto di garantire maggiore qualità, nonostante i pochi investimenti su queste reti degli ultimi decenni- conclude l’assessore ai trasporti Fabrizio Ghera– si rifarà la stazione di Ostia Antica, o vedremo nascere nuove stazione, come Acilia Sud. Qualche mese fa abbiamo provveduto ad un adeguamento sul tratto della linea elettrica su suggerimento di Astral, abbreviando la tratta di un minuto. Un altro intervento è quello sul ponte: sono molti i lavori in cantiere”.

Guarda la puntata precedente con Il Faro Online qui.

Continua a leggere su radioroma.tv

Leggi Anche

Breaking Bed – Puntata di Mercoledì 17 Luglio 2024

Il buongiorno di Radio Roma apre la giornata come sempre con Breaking Bed, il...

Le Derive Sanitarie Pugliesi (Con Angelo Di Lorenzo)

Le Derive Sanitarie Pugliesi “A Viso Scoperto” puntata del 11/07/2024. L’Avv. Angelo Di Lorenzo presidente ALI...

“Premio Myllennium Award”, tra i giovani premiati Esmeralda Moretti

"Premio Myllennium Award", tra i giovani premiati Esmeralda Moretti Ospite in collegamento: Esmeralda Moretti, divulgatrice Sono...

Civitavecchia dice no a “Porta d’Italia”

Civitavecchia dice addio a "Porta d’Italia" Ospite in collegamento a Non solo Roma: Francesco Baldini,...

ARTICOLI CORRELATI

Breaking Bed – Puntata di Mercoledì 17 Luglio 2024

Il buongiorno di Radio Roma apre la giornata come sempre con Breaking Bed, il...

Le Derive Sanitarie Pugliesi (Con Angelo Di Lorenzo)

Le Derive Sanitarie Pugliesi “A Viso Scoperto” puntata del 11/07/2024. L’Avv. Angelo Di Lorenzo presidente ALI...
00:11:13

“Premio Myllennium Award”, tra i giovani premiati Esmeralda Moretti

"Premio Myllennium Award", tra i giovani premiati Esmeralda Moretti Ospite in collegamento: Esmeralda Moretti, divulgatrice Sono...