30.6 C
Roma

I pericoli dell’RSI

 

RSI approvato, il regolamento sanitario internazionale, quali pericoli nasconde? “A Viso Scoperto” puntata del 06/06/2024.

L’“Alleanza d’azione per una Svizzera libera” sostiene che l’adozione del “Regolamento sanitario internazionale” riveduto, avvenuta nella tarda notte del 1° giugno 2024 a Ginevra, è molto più grave di quanto possa sembrare a prima vista.

Una versione minima fortemente indebolita dell’IGV è stata adottata sabato scorso – sebbene tecnicamente le modifiche siano illegali, nulle, poiché l’RSI rivisto è stato pubblicato solo poco prima del voto e non come prescritto con più di quattro mesi di anticipo, secondo l’Articolo 55, paragrafo 2, della INTERNATIONAL HEALTH REGULATIONS del 2005:

Il testo di ciascuna modifica proposta sarà comunicato a tutti gli Stati contraenti dal Direttore Generale almeno quattro mesi prima dell’Assemblea della Sanità in cui viene proposto un parere.

Le modifiche all’RSI sono serie e pericolose

“ABF Svizzera” era presente quando, l’ultimo giorno della 77a Assemblea Mondiale della Sanità, sono state adottate le modifiche al Regolamento sanitario internazionale. La versione finale dell’RSI è stata ora sottoposta ad un’analisi critica, che evidenzia, tra l’altro, i seguenti punti chiave (il corsivo nell’originale):

Il comunicato stampa dell’OMS sottolinea che l’“emergenza pandemica” è ormai stata ridefinita. Secondo questa definizione, una pandemia è “una malattia trasmissibile che si sta diffondendo ampiamente geograficamente in più stati o che presenta un alto rischio di diffondersi in più stati. Una pandemia che supera o presenta un alto rischio di superare la capacità dei sistemi sanitari in questi Stati; che provoca, o corre un alto rischio di causare, significativi disagi sociali e/o economici, compresi l’interruzione del traffico e del commercio internazionale. Una pandemia che richiede un’azione internazionale rapida, equa e maggiormente coordinata con approcci che coinvolgano l’intero governo e l’intera società”. (Traduzione ABF, corsivo dell’autore).

Quindi se esiste già un “rischio elevato”, abbiamo un’emergenza sanitaria che può far scattare tutte le ulteriori misure previste dal RSI. Quindi praticamente sempre e in qualsiasi momento. A questo punto ci si può chiedere: chi determina quando esiste un “rischio elevato”?

Nuove autorità a livello statale

Gli Stati saranno tenuti a creare nuove autorità statali per attuare l’RSI. Il RSI parla di “autorità nazionali per il RSI” (“Autorità nazionale per il RSI”), che devono coordinare l’attuazione del RSI, e di “punti di contatto nazionali per il RSI” (“Punto focale nazionale per il RSI”). Questi punti di contatto devono essere accessibili in ogni momento ai “Punti di Contatto OMS per il RSI”. Ciò significa che gli Stati sono obbligati, da un lato, a trasmettere informazioni e dati all’OMS e, dall’altro, a istituire squadre di crisi permanenti…

Se gli Stati sottolineassero a questo proposito che restano sovrani nell’attuazione delle autorità nazionali, ciò nasconderebbe la realtà. Perché gli “ordini” arriveranno dall’OMS dopo che l’RSI sarà stato recepito nel diritto nazionale. Quindi sono fondamentalmente rami nazionali dell’OMS, ma questo non dovrebbe essere direttamente visibile.

Ridefinire i “prodotti sanitari rilevanti”

Inoltre, il diavolo non è solo in questi dettagli giuridici, ma letteralmente ovunque, ad esempio nella sezione sui “prodotti sanitari rilevanti”, che secondo le definizioni dell’RSI riveduto,

Prodotti sanitari necessari per rispondere alle emergenze sanitarie pubbliche di rilevanza internazionale, comprese le pandemie, compresi prodotti farmaceutici, vaccini, prodotti diagnostici, dispositivi medici, prodotti per il controllo dei vettori, dispositivi di protezione individuale, prodotti per la decontaminazione, prodotti ausiliari, antidoti, terapie cellulari e genetiche e altro le tecnologie sanitarie includono.

Praticamente tutto, più il lavello della cucina, nel caso in cui l’OMS dichiarasse “emergenza pandemica”.

Ecco il commento di ABF Svizzera:

 in parole povere significa che vogliono obbligarci ad ASSUMERE terapie cellulari e geniche in ogni emergenza sanitaria dichiarata dalla stessa OMS. E qui va notato che la vaccinazione contro il COVID, basata sulla tecnologia mRNA, era ed è tuttora proprio una terapia di questo tipo.

Ma non è tutto, perché l’intera gamma di misure fraudolente e prive di prove della cosiddetta “Corona Pandemia™” dichiarata dall’OMS è ancora in palio. Ciò è particolarmente evidente nella sezione relativa alle restrizioni di viaggio, come sottolinea “ABF Svizzera”:

È già stato stabilito che uno Stato membro può ora costringere i passeggeri che ritiene “pericolosi” per la loro salute all’isolamento e alla quarantena e che le aziende di trasporto (private) si trasformeranno in tirapiedi dello Stato dovendo controllare i passeggeri a bordo nell’articolo 27 e in alcuni altri articoli della versione precedente. Ora però questa opzione è stata nuovamente rafforzata ed è stato specificato esattamente come dovrebbero essere i documenti sanitari richiesti o, più chiaramente, i certificati e i codici QR che conosciamo dalla crisi del Corona. Si può presumere che l’OMS desiderasse riconoscerli solo in forma digitale. Ma a quanto pare ci sono state obiezioni da parte dei paesi del sud del mondo. A questo punto è importante approfondire l’ordine del giorno di questi articoli. L’obiettivo è ovviamente quello di poter limitare in qualsiasi momento i viaggi internazionali (vedi obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030) o di limitarli ai viaggiatori che si sottopongono preventivamente alle “misure” necessarie (vaccinazioni, test, ecc.). In senso lato, si potrebbe considerarla una vaccinazione obbligatoria indiretta…

Particolare attenzione merita anche l’articolo 13 “Misure di sanità pubblica, compresa la parità di accesso ai prodotti sanitari rilevanti”, che è stato notevolmente ampliato e a prima vista (un’analisi dettagliata deve ancora essere effettuata) sembra che ci siano parti qui dell’accordo pandemico dell’OMS. Probabilmente perché finora non c’è stato alcun accordo sul testo dell’accordo pandemico. Per noi che insistiamo sulla nostra autodeterminazione e integrità fisica, l’accordo pandemico dell’OMS, almeno nella sua ultima versione pubblicata, è secondario e meno minaccioso dell’RSI. Questo contratto è più una sorta di accordo commerciale per quegli attori che introdurranno sul mercato i suddetti “prodotti sanitari rilevanti”. Ciò dimostra quanto sia imperativo monitorare da vicino l’ulteriore sviluppo di questo accordo.

Conclusioni preliminari dell’AFB Svizzera

Il rapporto commissionato da ABF Svizzera giunge alla conclusione che l’RSI adeguato deve essere presentato al Parlamento, altrimenti il ​​diritto sovrano della Svizzera verrà pregiudicato. Nel rapporto o Le ragioni di ciò sono elencate nella sintesi del rapporto. Per concedere tempo sufficiente al processo di revisione parlamentare, il Consiglio federale deve ora dichiarare immediatamente l’opt-out [nell’articolo 13 della revisione RSI esiste una clausola che prevede un periodo di grazia fino a due anni per la revisione e l’attuazione scopi, nota.]. Il Parlamento, che esercita la vigilanza ultima sul Consiglio federale, deve invitare quest’ultimo a fare tale dichiarazione in tempo. Questo è l’unico modo per garantire che l’RSI modificato sia democraticamente legittimato. Ciò corrisponde a una delle nostre richieste ai politici.

Non c’è niente da aggiungere a questo, perché in realtà dovrebbe essere ovvio.

Valutazione iniziale e interpretazione

L’ottica e il contenuto sono molto scadenti, con o senza tener conto dell’interpretazione “provvisoria” di “ABF Svizzera”. Il tempo dirà se la loro interpretazione è più vicina alla realtà di quella espressa dai vecchi media e dai politici.

Se c’è un lato positivo, è che la nuova burocrazia che si suppone venga creata porterà probabilmente a infinite guerre per il territorio, accesi dibattiti sui suoi finanziamenti (permanenti) e, naturalmente, la questione delle sicurezze interne nella nomina del personale. posizioni “internazionali” retribuite, per lo più esenti da imposte. Ciò avrà la conseguenza certamente involontaria che chiunque “lavorerà” sulle priorità nazionali del RSI (o come verranno chiamate) sarà così compromesso in termini di finanziamenti, capacità e qualità delle persone nominate che gravi PROBLEMI sono quasi certi.

Anche se ciò non fosse previsto, danneggerebbe gravemente molte persone, soprattutto perché – con l’affermazione dell'”uguaglianza” (leggi: socialismo) e del suo gemello malvagio, il conformismo ideologico – ancora abbonda danneggerà e/o o uccidere più persone. Ogni volta che il settore “pubblico” (o privato) dà priorità alla conformità rispetto alla competenza, ne consegue una negligenza, spesso con conseguenze mortali, come nel caso dell’assistenza sanitaria. La cosiddetta “Corona Pandemia™” dichiarata dall’OMS ne è ogni giorno una prova impressionante.

Inoltre, la semplice questione se alle personalità ovviamente incompetenti e prive di prove dell’OMS, dell’(E)CDC, dell’EMA e in qualsiasi altro modo vengano chiamate queste agenzie dovrebbe essere data solo un po’ “di più” in termini di competenza. Ciò che è particolarmente sorprendente è che l’incompetenza, la cattiva condotta personale o addirittura l’assenza di conseguenze non sembrano avere alcun ruolo nella nostra società. Per non parlare degli attori politici, degli “esperti™” e dei “giornalisti” dei “media leader e di qualità”.

Senza dubbio quello che è successo sabato a Ginevra è un abominio e temo che più il tempo passa, più importante diventerà l’interpretazione di “ABF Svizzera”. Ma c’è un altro aspetto che merita attenzione:

La maggior parte delle istituzioni multidimensionali, gigantesche e create dall’uomo falliscono, alcune più velocemente di altre, ma quando lo fanno, non è un bello spettacolo.

Durante la Grande Depressione, il presidente degli Stati Uniti F.D. Roosevelt creò molte nuove istituzioni dal nulla, apparentemente perché sapeva che tutte le nuove istituzioni sarebbero scomparse dopo pochi anni. (Riguardo al magistrale, anche se censurato, resoconto di FDR di John Flynn, pubblicato alla fine degli anni ’40).

RSI dal sito dell'ISS
RSI dal sito dell’ISS

epilogo

Il nuovo RSI è pessimo, su questo non ci sono dubbi.

Finché non verrà effettuata un’analisi della Pandemia e soprattutto delle sue “misure” – con conseguenze per i responsabili – non si dovrà fare altro in questa direzione.

Dovremmo quindi istituire tribunali speciali per i responsabili della cosiddetta “Pandemia Covid™” dichiarata dall’OMS e dei suoi eccessi, a partire dal direttore dell’OMS per estendersi senza soluzione di continuità agli esecutori conformi a livello locale.

Non sono così ingenuo da credere che una di queste cose accadrà presto. Non bisogna però mai dimenticare l’aspetto essenziale dell’agire umano:

Nessun tiranno è mai stato fermato da una costante obbedienza o da una resa.

Non essere d’accordo. Non sottometterti.

Continua a leggere su radioroma.tv

Leggi Anche

La nuova Frontiera della Mafia

Trentadue anni dalla Strage di Via d’Amelio 19 Luglio 1992. A pochi minuti dalle cinque...

A Casa di Amici – Puntata di Venerdì 19 Luglio 2024

Ultima puntata della settimana con “A Casa di Amici”, il salotto di Radio Roma,...

Legge Lorenzin e vaccini, l’Italia terra di conquista di Big Pharma? – Camelot – Puntata di mercoledì 17 luglio 2024

La legge Lorenzin ha introdotto dieci vaccinazioni obbligatorie per i minori da 0 a...

Amianto: Inps condannata al risarcimento dopo 20 anni (VIDEO)

L'inps è stata condannata a distanza di quasi 20 anni, la Corte di Appello...

ARTICOLI CORRELATI

00:14:36

La nuova Frontiera della Mafia

Trentadue anni dalla Strage di Via d’Amelio 19 Luglio 1992. A pochi minuti dalle cinque...

A Casa di Amici – Puntata di Venerdì 19 Luglio 2024

Ultima puntata della settimana con “A Casa di Amici”, il salotto di Radio Roma,...

Legge Lorenzin e vaccini, l’Italia terra di conquista di Big Pharma? – Camelot – Puntata di mercoledì 17 luglio 2024

La legge Lorenzin ha introdotto dieci vaccinazioni obbligatorie per i minori da 0 a...