31.2 C
Roma

L’approfondimento del venerdì a Non solo Roma con “Frosinone News”

Cinque suicidi in meno di un mese, i nostri giovani si uccidono nell’indifferenza generale

Ospite in collegamento Roberta Di Pucchio, condirettore di “Frosinone News

Dall’otto maggio al quattro giugno la provincia di Frosinone ha registrato cinque suicidi. Quattro erano ragazzi giovanissimi, tra i 16 ed i 34 anni. C’è poi un uomo di 57 anni in quella che è una conta impietosa, inarrestabile. Lo scorso 23 maggio avevamo acceso i riflettori sul problema che non può non essere considerato un’emergenza sociale. I nostri giovani si uccidono, si impiccano, si gettano dai balconi di casa. Il tutto nell’indifferenza generale di politica ed istituzioni.

Alcuni candidati, in segno di lutto, hanno sospeso le campagne elettorali nei comuni di residenza di due delle vittime. Qualcuno si è limitato a definirla “una sconfitta”. Nessuno ha, però, parlato di emergenza e, soprattutto, di misure da mettere in campo da subito per fermare questa scia di morte. Nessun politico, nessun rappresentante delle istituzioni. Eppure, cinque morti in meno di un mese dovrebbero essere abbastanza per guardare in faccia la realtà. Gli esponenti politici del territorio, oltre a fare il mea culpa a parole, dovrebbero ammettere che non si tratta di una mera sconfitta ma del fallimento di un intero sistema. Assistenziale e sanitario.

Il fallimento del sistema assistenziale e sanitario nell’immobilismo della politica

In provincia di Frosinone, stando alle stime di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, in rapporto alla popolazione, servirebbero almeno 40 psichiatri nelle strutture ospedaliere preposte. A conti fatti, non arriviamo neppure alla metà. Servirebbero almeno 20 neuropsichiatri infantili, ne abbiamo all’incirca 7. I Csm della provincia sono al collasso. Per non parlare del Reparto di SPDC, unico superstite di un’impietosa politica di tagli alla sanità che ha chiuso la porta in faccia a migliaia di famiglie lasciandole sole.

Lasciando i giovani a combattere, senza armi e senza sostegno alcuno, quei demoni che, giorno dopo giorno, li divorano a tal punto di far scegliere loro la morte come unica via d’uscita ad una sofferenza che sembra non trovare fine.

Dove abbiamo sbagliato? Nessuno sembra esser interessato a porsi questo interrogativo. Troppo scomodo, perché alla domanda dovrebbe seguire una risposta concreta. Così, alla luce dell’immobilismo e del silenzio della politica e delle istituzioni, la domanda ce la siamo posta noi. Ed abbiamo cercato una risposta, almeno in termini pratici, per suggerire le soluzioni necessarie.

Leggi qui: Servono politiche di investimento sulla salute mentale per fermare la strage

Elezioni: la campagna elettorale in un clima d’odio con atti vandalici e sfregi all’indirizzo delle varie forze politiche

Una campagna elettorale carica d’odio espresso nei modi più spregevoli. È quello che si evince in questi ultimi giorni prima del voto in provincia di Frosinone. Dopo l’atto vandalico ai danni della sede elettorale della Lega a Tecchiena di Alatri e quello che ha danneggiato l’apecar della candidata a sindaco di Cassino, Polidoro, un altro raid è stato registrato ad Amaseno. Scritte diffamatorie sono apparse sui manifesti di Forza Italia. A denunciare l’accaduto condannando il gesto è Gianluca Quadrini, Presidente del Gruppo di Forza Italia in Provincia di Frosinone: “Non tolleriamo atti di vandalismo. Condanniamo con forza i vergognosi attacchi ai nostri manifesti”.

Leggi: Distrutta a martellate l’apecar elettorale della candidata a sindaco

Presta un’auto ai rom, dopo averla recuperata gliela rubano e lo picchiano: 3 arresti

Gli operatori del commissariato di Polizia Statale di Sora e della squadra mobile della Questura di Frosinone hanno dato esecuzione ad una ordinanza del Gip presso il tribunale di Cassino che ha disposto, accogliendo la richiesta del pubblico ministero della locale procura della Repubblica, la misura cautelare degli arresti domiciliari, a carico di 3 sorani, appartenenti alla locale comunità rom, rispettivamente di 47 anni, 22 anni e 21 anni.

I 3 arrestati sono stati indagati per i reati di rapina in concorso, lesioni personali aggravate in concorso e per il solo quarantasettenne l’accusa è anche di minaccia grave. L’attività di indagine posta in essere dal personale della Polizia di stato ha evidenziato che il soggetto offeso, che aveva dato in prestito la propria autovettura ad uno dei tre arrestati, era riuscito, dopo alcune difficoltà legate alla mancata restituzione del mezzo, a recuperarne il possesso.

Tuttavia, subito dopo il recupero, è stato minacciato e successivamente rapinato dello stesso veicolo da parte dei 3 uomini, nell’occasione riportava anche delle lesioni personali. Pertanto, in virtù della sopra richiamata ordinanza i 3 indagati venivano posti agli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Continua a leggere su radioroma.tv

Leggi Anche

Farmaci sperimentali e cancro (Con Silvio Sposito)

Farmaci sperimentali e cancro. “A Viso Scoperto” puntata del 14/06/2024. https://rumble.com/embed/pj.v4zpv1a/ Il Dott. Silvio Sposito, specialista...

Finalmente la verità sui farmaci sperimentali (Con Silvio Sposito)

Finalmente la verità sui farmaci sperimentali. “A Viso Scoperto” puntata del 14/06/2024. https://rumble.com/embed/pj.v4zn58i/ Il Dott. Silvio...

Edilizia, boom del settore dopo gli anni del Covid. Adesso però nel futuro c’è il rischio di uno stop – Extra – Mercoledì 19...

In questa puntata light di Extra, Claudio Micalizio propone un dossier sullo stato di...

Non solo Roma – Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024

Non solo Roma con Elisa Mariani - Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024 Roma, va...

ARTICOLI CORRELATI

Farmaci sperimentali e cancro (Con Silvio Sposito)

Farmaci sperimentali e cancro. “A Viso Scoperto” puntata del 14/06/2024. https://rumble.com/embed/pj.v4zpv1a/ Il Dott. Silvio Sposito, specialista...

Finalmente la verità sui farmaci sperimentali (Con Silvio Sposito)

Finalmente la verità sui farmaci sperimentali. “A Viso Scoperto” puntata del 14/06/2024. https://rumble.com/embed/pj.v4zn58i/ Il Dott. Silvio...

Edilizia, boom del settore dopo gli anni del Covid. Adesso però nel futuro c’è il rischio di uno stop – Extra – Mercoledì 19...

In questa puntata light di Extra, Claudio Micalizio propone un dossier sullo stato di...