33.8 C
Roma

Raccolta differenziata, il Lazio fanalino di coda con la Campania secondo i dati Istat

Il Lazio figura tra le regioni meno virtuose nella raccolta dei rifiuti. Secondo i che dati emergono dall’undicesima edizione del Rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes) di Istat, infatti, il Lazio è – insieme alla Campania – fanalino di coda tra le regioni per percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Raccolta differenziata, i dati

Il 60,2% delle famiglie italiane risiede in comuni che hanno raggiunto il 65% di raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Le differenze territoriali sono notevoli: le regioni più virtuose sono la provincia autonoma di Trento, la Sardegna e le Marche, con oltre il 90% delle famiglie che vivono in comuni che hanno superato il 65%. Le regioni meno performanti sono il Lazio e la Campania, dove la percentuale si attesta poco oltre il 30%.

La raccolta differenziata mostra un costante miglioramento su tutto il territorio nazionale, sebbene con ritmi variabili. Nel 2022, si è registrato un significativo progresso in Sicilia, dove l’indicatore è aumentato di 8,1 punti percentuali, raggiungendo il 45,4%, sebbene resti ancora lontano dall’obiettivo.

Anche regioni con già elevati tassi di raccolta differenziata, come l’Emilia-Romagna (+6,8 punti percentuali), le Marche (+5,6 punti percentuali) e l’Umbria (+4,8 punti percentuali), hanno visto un aumento. Le uniche regioni che hanno registrato un calo nell’ultimo anno sono il Veneto, la Toscana, la Basilicata e la provincia Autonoma di Trento.

Connessione internet, il Lazio tra le migliori regioni 

Sempre secondo i dati emersi dall’undicesima edizione del Rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes) di Istat, nel 2023, in Italia, il 59,6% delle famiglie è raggiunto da una connessione internet ad alta velocità, e in questo caso il Lazio risulta invece tra le regioni più virtuose.

Alcune regioni hanno una copertura superiore al 70%, come il Molise (84,6%), la provincia autonoma di Trento (77,6%), la Campania (72,1%) e il Lazio (71,7%). In altre regioni, la quota non supera neanche il 40%, come la Calabria (36,1%) e la Sardegna (39,2%). Sia la provincia autonoma di Trento che il Molise, che nel 2019 erano le aree meno coperte d’Italia (rispettivamente 5,0% e 6,4%), hanno registrato significativi miglioramenti.

Continua a leggere su radioroma.tv

Leggi Anche

Edilizia, boom del settore dopo gli anni del Covid. Adesso però nel futuro c’è il rischio di uno stop – Extra – Mercoledì 19...

In questa puntata light di Extra, Claudio Micalizio propone un dossier sullo stato di...

Non solo Roma – Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024

Non solo Roma con Elisa Mariani - Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024 Roma, va...

Show Time – Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024

Nella puntata di Show Time di giovedì 20 giugno con Danilo Brugia e Paciullo...

Bambini come cavie, gli scandali nel mondo gender – Camelot – Puntata di mercoledì 19 giugno 2024

Negli Stati Uniti un giornalista, Michael Schellenberger, ha pubblicato le conversazioni private tra medici...

ARTICOLI CORRELATI

Edilizia, boom del settore dopo gli anni del Covid. Adesso però nel futuro c’è il rischio di uno stop – Extra – Mercoledì 19...

In questa puntata light di Extra, Claudio Micalizio propone un dossier sullo stato di...

Non solo Roma – Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024

Non solo Roma con Elisa Mariani - Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024 Roma, va...

Show Time – Puntata di Giovedì 20 Giugno 2024

Nella puntata di Show Time di giovedì 20 giugno con Danilo Brugia e Paciullo...